Pulcini: il controllo orientato di Tobia Bassani (4)

Nr. Giocatori: 12

Mesociclo n.: 1

Seduta di allenamento n.:      4/8

Durata totale: 90′

Obiettivo tecnico principale: controllo orientato

Sottobiettivi tecnici: smarcamento, 1c1, tiro in porta

 

Prima parte: Attivazione (tot. 25′)

Acrobazie, tiri al volo (10′) i giocatori, da soli o a coppie, possono liberamente effettuare acrobazie o tiri al volo nelle due porte di regolare dimensione.

Progressione psicocinetica (15′) con le mani- [Possesso palla] Tre squadre da quattro giocatori (colori bianco, giallo e blu): passaggio al compagno di colore diverso (3′) – senza risultato;

[Possesso palla] Due squadre da sei giocatori (colori bianco e giallo): passaggio al compagno di colore diverso (2′) – senza risultato;

Tre colori (bianco, giallo e blu): inizialmente Bianchi + Blu vs Gialli; se i Bianchi sbagliano il colore del passaggio o questo viene intercettato dai Gialli, la partita diventerà Gialli + Blu vs Bianchi, e via così. Ogni 6 passaggi consecutivi, un punto (10′).

Seconda parte: Sviluppo capacità coordinative (durata: 30′)

1c1 a specchio con percorso in conduzione a/r, tiro in porta e riprendo la palla dopo percorso su Speed Ladder con skip basso frontale (un appoggio per box). (15′)

1c1 frontale: partenza dell’attaccante con skip basso laterale “misto” (due appoggi per box) che, una volta terminato, riceve palla dal difensore prima di affrontarlo in 1c1 cercando la conclusione a rete. Al termine, si invertono i ruoli.  (15′)

Terza parte: Obiettivo specifico (durata: 15′)

Controllo orientato e trasmissione – situazionale, gruppi di quattro giocatori

In un quadrato 5×5 si posizionano tre giocatori su all’esterno di tre vertici diversi (a distanza di un metro), mentre un giocatore si posiziona all’interno del quadrato, lasciando quindi un vertice libero. Il gioco prevede che il giocatore in possesso di palla debba sempre avere due linee di passaggio disponibili per l’appoggio senza che la trasmissione avvenga all’interno del quadrato, e si gioca a due tocchi (controllo + trasmissione). Il giocatore all’interno ha come obiettivo quello di intercettare il passaggio tra compagni, senza uscire completamente dal quadrato: quando ci riesce, dà il cambio all’ultimo giocatore che ha effettuato la trasmissione.

Quarta parte: attività ludica + eventuale verifica (durata 20′)

Partita libera 5v5 (più portieri), ma con le porte posizionate in una posizione interna rispetto al campo di gioco.

controllo orientato

Attivazione (Es. 1): attività proposta per stimolare la fantasia e le capacità coordinative speciali dei giocatori in maniera assai divertente.

Attivazione (Es. 2): brevi possessi palla effettuati allo scopo di abituare il giocatore al nuovo tipo di attività, salvo poi concludersi con una partita a tema. Come si può notare, la progressione inizia in maniera facile (due colori), passa per un livello intermedio (tre colori) e termina con un’esercitazione ben più complessa.

Sviluppo capacità coordinative (Es. 3-4): esercizi di rapidità e di coordinazione oculo-podalica finalizzati all’1c1 ed al tiro in porta. A differenza delle prime tre sedute, in questa parte viene inserito il pallone.

Obiettivo Specifico (Es. 5): Controllo orientato e trasmissione → Prima attività situazionale (3v1) che prevede, tra gli obiettivi, grande intensità, azzeramento dei tempi morti ma soprattutto migliora la capacità di scelta del giocatore (pensare velocemente).

Attività ludica, con eventuale verifica (Es. 6): Partita libera → in questa seduta, per la prima volta, partita libera 6v6 ma con le porte posizionate all’interno del campo di gioco, al fine di rendere più imprevedibile il gioco, creando pertanto una maggior attenzione nei giocatori.

Foto tratta da: http://www.sportakademie24.de/fussballtraining-die-wichtigsten-prinzipien-bei-der-foerderung-von-kindern/

 

Stefano

Leave a Reply

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial