Horst Wein: a otto anni giocare a 11 è un CRIMINE

Riporto alcune parti dell’intervista di Horst Wein durante la sua visita in Sardegna lo scorso anno.

horst wein

“Si sono commessi nel passato troppi errori, nella formazione dei giovani calciatori, NON SI SONO RISPETTATE LE LEGGI DELLA NATURA, perché è impossibile che un bambino di otto anni riesca ad esprimersi un un campo per adulti. E’ un crimine giocare 11 contro 11 perché il potenziale di un giovane calciatore non si può sviluppare in una forma naturale. Fino ai 14 anni è impossibile sviluppare il gioco egli adulti. E’ completamente sbagliato copiare il calcio degli adulti ai ragazzi. In Italia già a 8-9 anni ci sono campionato a undici. I ragazzi vogliono il possesso palla ma è chiaro che giocando così toccano pochissimo il pallone. I ragazzi vogliono fare esperienza con il pallone e con le prime esperienza nasce la tecnica, il calcio di strada. Il calcio strada è fatto si 3 contro 3, di 4 contro 4, SENZA ALLENATORE, ed è così che abbiamo creato giocatori di fama mondiale. Attraverso l’esplorazione i giocatori hanno fatto la propria esperienza. Hanno fatto errori, ma hanno imparato dagli errori e con la ripetizione hanno raggiunto abitudini corrette per il calcio a 11. C’è stato AUTOAPPRENDIMENTO  e non un lavoro impostato da un istruttore.

FUNINO-OFFICIAL-DIMENSIONS

Il Funino: “Ho copiato dalla strada. Quando ho visto i piccoli giocatori in strada mi sono detto: qui devo copiare e dare un sistema.” I ragazzi per strada giocano sempre alla stessa maniera. NOI ABBIAMO 38 GIOCHI A 4 PORTE. Questi 38 giochi stimolano diversi centri del cervello. Fondamentale è allenare il muscolo più importante: IL CERVELLO. Questa è la forza più grande su un terreno di calcio. Le mie proposte sono progressive, sempre in aumento come difficoltà. A otto anni è un crimine giocare come gli adulti. Il giovane calciatore non è in grado di fare questo. Quando arriva il pallone è incapace di gestirlo e lo butta via anziché costruire il calcio, passo a passo, con passaggi brevi. Giocare con il pallone e non contro il pallone. Questo si raggiunge quando la Federazione non organizzerà campionati dove si gioca ogni fine settimana. Per il giovane è importante giocare. Giocare è come dormire: necessario per la salute mentale e fisica del ragazzo.

Ecco il video:

Foto tratte da:

http://www.dfb.de/trainer/f-juniorin/artikel/spielintelligenz-durch-funino-entwickeln-132/

http://www.bausciacafe.com/2013/04/24/alla-ricerca-dellintelligenza-calcistica/

Stefano

Leave a Reply

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial